I dischi dell’Anno

Ho la febbre. Già. Maledetto shopping.

SCOTT TUMA Not For Nobody (Digitalis Arts & Crafts)
MEGAFAUN Lazy Suicide (Bury The Square)
FUCKED UP The Chemistry of Common Life (Matador)
GROWING All the Way (The Social Registry)
TAPE Luminarium (Hapna)
WOMEN Self Titled (Flemish Eye)
NICO MUHLY Mothertongue (Bedroom Community)
KATIE STELMANIS Join Us (Blocks Recording Club)
GOLDMUND The Malady Of Elegance (Type)
PONYTAIL Ice Cream Spiritual (We Are Free)
PARENTHETICAL GIRLS Entanglements (TomLab)
ABE VIGODA Skeleton (Post Present Medium)
DEER TICK War Elephant (Partisan)
FOALS Antidotes (Sub Pop)
LOVE IS ALL A Hundred Things Keep Me Up At Night (What’s Your Rupture)

~ di Davide su dicembre 3, 2008.

13 Risposte to “I dischi dell’Anno”

  1. nIENTE mOGWAI?

  2. Eh, me l’aspettavo questa domanda. Cosa dire… il disco dei Mogwai mi fa piangere ma non è particolarmente innovativo, non è particolarmente 2008. Anzi, è un disco che va all’indietro, un disco salt & pepper. Un disco un po’ daddy.

  3. Uhm in effetti era la sensazione che avevo avuto pure io…dal vivo sono sempre devastanti ma quando ascolto il loro ultimo album la mia attenzione dopo un po’ scivola via…mi rifarò vedendoli a febbraio a Bologna.

  4. idolo!

    proprio perche’ manca quella cosa li…

  5. Guarda che io il disco dei Mogwai l’ho consumato. Hanno scelto di fare un disco “sentito”, poco innovativo, ma tragico tanto quanto CODY. E’ emotivamente violentissimo… ma ovvio che non può stare lì con i ragazzini che fanno “le robe nuove”.

  6. si si vale tutto e a me non piace per le ragione che te mi spieghi.

    e cmq non c’è nella classifica

    vale tutto

  7. Le ragioni perchè un disco piace o no possono essere molteplici e ovviamente personali…Del resto sono d’accordissimo con Frank Zappa (uno della mia età eh eh) che diceva che “Parlare di musica è come ballare di architettura”

  8. toh. letta su blow up oggi quella citazione.

  9. …davvero? allora sono ancora al passo con i gusti italiani e posso ancora entrare nel “circle jerks” (non la band!) di chi parla di musica!…dato che non butto più i soldi per “Blow job” da almeno 2 anni!…Compro/scarico: mi piace/non mi piace. STOP! Semplice no?

  10. come uno vuole

  11. Veramente. Come uno vuole.

  12. Uff ora che mi andava di litigare! ;-) Come uno vuole allora!

  13. Il difetto del disco dei Mogwai è che è sempre un disco di Mogwai.
    Il pregio è che è sempre un disco dei Mogwai.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: